Le attività formative CRS consistono in seminari, corsi e scuole, tre modalità diverse che utilizzano lo stesso approccio, o “metodo CRS”.
 
Il “metodo CRS”
La proposta formativa è trasversale alle discipline, indirizzandosi a giovani ricercatori nelle scienze sociali, naturali e umane. L’interdisciplinarità è alla base della formazione CRS, che mira a costruire uno spazio di relazione tra, attraverso e al di là delle culture e delle discipline mediato dal dialogo. Questo approccio prevede lezioni teoriche e pratiche, tiene conto della cultura e della provenienza geografica dei partecipanti e, soprattutto nelle scuole, permette di coniugare la vita e lo studio. Queste caratteristiche favoriscono la comprensione e l’applicazione dei contenuti proposti. Da qui il termine “metodo”, per definire una simile formazione, proposto da alcuni giovani ricercatori a conclusione di una scuola intensiva, che, da allora, utilizzo per definire l’approccio alla formazione CRS.
 
Seminari
Proposti dal 2003, i seminari sono pensati per presentare la proposta formativa CRS. Della durata, generalmente, di 2-4 ore, presentano cenni sulla sua storia e le caratteristiche, sul “metodo CRS” e sulle sue implicazioni, spesso a partire dall’esperienza diretta di partecipanti a precedenti attività.
Il seminario CRS è di solito proposto in lingua italiana quando si rivolge a studenti italiani, si utilizza l’inglese all’estero o con studenti non italiani.
 
Corsi
Proposti dal 2007, prevedono, di solito, un programma di 20 ore, distinte in 4 lezioni da 5 ore ciascuna.
Il programma combina la parte teorica a quella pratica, basata sull’analisi collettiva di elaborati scritti e orali preparati dai partecipanti. Le lezioni teoriche presentano cenni di semiotica necessari per introdurre la costruzione del testo – inteso come scritto e orale – e la strategia comunicativa.
Il corso CRS è di solito proposto in lingua italiana quando si rivolge a studenti italiani, si utilizza l’inglese all’estero o con studenti non italiani.
 
I seminari e i corsi sono, in genere, su invito delle università e dei centri di ricerca. Ho collaborato e collaboro in particolare con:
 
Scuole
Si tratta di una proposta intensiva di 3-4 giorni, di solito in una struttura lontana dalla sede di lavoro e di studio, che permette di approfondire la formazione CRS tra giovani ricercatori di vari atenei e ambiti disciplinari. Il programma è invariato rispetto ai corsi CRS, ma la modalità intensiva permette di coniugare il binomio vita e studio, condividendo i pasti e il tempo libero.
La scuola CRS è proposta in lingua italiana quando si rivolge a studenti italiani, si utilizza l’inglese all’estero o con studenti non italiani.
Dal 2009, organizzo una scuola estiva CRS, a fine agosto, ospitata al Centro Studi Alpino dell’Università degli Studi della Tuscia (Pieve Tesino, Trento). Negli anni, questa attività si consolida e viene inserita nel programma delle iniziative formative estive proposte al Centro Studi Alpino. Nel 2019, decennale della scuola estiva CRS, l’ente promotore della scuola estiva diventa il Centro Studi Alpino.